Conferenze

Il gruppo Physicalpub ormai da alcuni anni presenta una lunga lista di conferenze che spaziano tra numerosi argomenti salienti della ricerca attuale.
I relatori sono scienziati della nostra associazione, esperti del loro settore e della comunicazione scientifica. Le presentazioni sono revisionate da tutta l’associazione e presentano un alto profilo scientifico, pur mantenendo sempre uno stile coinvolgente e accattivante, anche tramite animazioni e simulazioni appositamente sviluppate.
Le nostre conferenze sono state presentate presso scuole, circoli, associazioni, biblioteche, festival scientifici, università, in numerose città italiane (48 conferenze solo nel 2019).
Di seguito trovate le descrizioni delle nostre conferenze di maggior successo.
Scriveteci un messaggio per ulteriori informazioni!


L’UOMO NUDO NELLO SPAZIO

Possiamo vivere fuori dal nostro pianeta?

Vi siete mai chiesti cosa succederebbe se prima di vestirvi al mattino foste teletrasportati in un punto a caso dell’universo?
Potreste finire vicino a una stella, e diciamo che non sarebbe esattamente un buon inizio di giornata. Potreste essere più fortunati e finire vicino a un pianeta, ma secondo Sagan le probabilità sono pari a una su 10^33 quindi non ci contate troppo. Invece, è molto più plausibile che finiate nello spazio profondo, ma cosa accadrebbe a quel punto?
Non sarebbe di certo un risveglio piacevole, ma quali fenomeni subirebbe il vostro organismo? Quanto tempo avreste a disposizione per escogitare una via d’uscita? Subireste danni permanenti o transitori?
In un’epoca dove i viaggi spaziali sono sempre più vicini, cerchiamo di capire a fondo cosa succede al corpo umano al di fuori della nostra atmosfera, grazie alle spiegazioni di un medico e di un astrofisico.


MATEMATICA ESTREMA

La straordinaria immagine dell’orizzonte degli eventi di un buco nero ottenuta dalla collaborazione EHT, ha dimostrato la correttezza della descrizione di questi fenomeni, sino ad ora ottenuta solamente per via matematica.
La comprensione dei fenomeni fisici è strettamente legata alla loro formulazione matematica, ma capita spesso che le equazioni “vere” non vengano mostrate alle conferenze, come se la loro intrinseca complessità fosse una colpa per cui debbano essere tenute nascoste.
Lo scopo di questo incontro sarà tirarle fuori dai libri, guardarle, discuterle e, definitivamente, apprezzarle. Nessuna formula sarà ricavata o dimostrata, non ci saranno calcoli, ma già soltanto guardando queste equazioni capiremo più a fondo alcuni concetti legati ai fenomeni fisici che esse descrivono. Inizieremo dalla Relatività Generale (1915) fino all’esperimento LISA (2032), passando per affascinanti fenomeni quali la deflessione luminosa, le onde gravitazionali, i dischi di accrescimento, la dilatazione dei tempi e la deformazione mareale durante la caduta in un buco nero.


LA FISICA DEL SOLE

A gennaio 2020 sono usciti i primi risultati di Parker Solar Probe: la prima missione spaziale diretta verso una stella, la nostra stella. Sfrecciando a una velocità mai raggiunta prima d’ora, la Parker sta sfiorando il Sole, protetta da scudi termici, per svelare i misteri celati al suo interno.Quali sono di preciso i quesiti di cui cerchiamo risposta?
Con questo incontro scopriremo i segreti che il Sole ancora racchiude ed esploreremo i fenomeni fisici che già abbiamo invece compreso. Reazioni nucleari, attività solari, teorie stellari ma anche molte curiosità: smetteremo di credere che il Sole sia giallo!


THE WOW SIDE OF THE MOON

La scienza della Luna e della sua esplorazione.

Il lato WOW della luna non è quello visibile, né tanto meno quello nascosto. Il lato WOW è un insieme di fenomeni fisici, assai curiosi, che tutti abbiamo forse notato ma che in pochi hanno capito e studiato. Il lato WOW è un’illusione ottica, è contare gli anni ai dinosauri, è pensare un esperimento quattrocento anni prima di poterlo fare. Il lato WOW è dove alluneranno gli uomini in futuro, è come faranno per rimanerci, ma anche cosa hanno fatto i “pionieri” della Luna cinquant’anni fa! C’è molta scienza, tecnologia, astrofisica sul lato WOW, ma anche stupore e fantasia: perché la Luna non ha spigoli ma ha un lato WOW meraviglioso.


PIANETI SOLARI: STORIA E SEGRETI DELLA NOSTRA CASA NEL COSMO

Siamo interessati ai mondi lontani ma siamo informati su ciò che riguarda i nostri diretti vicini di orbita? Abbiamo capito com’è successo che si formasse una stella, con attorno dei pianeti, di cui uno abitato da piccoli esseri bipedi curiosi su tutto ciò che li circonda? La nostra mente non è abituata ad immaginare nemmeno l’estensione del Sistema Solare, ma con questo incontro scoprirete molto di più sul nostro angolo di universo e sulla sua esplorazione, sia passata che futura.


SCALE ASTRONOMICHE MUSICALI

La finta distanza tra l’astrofisica e la musica

Il problema più grave dell’astronomia moderna, irrisolto da millenni, è il calcolo delle distanze: tutti i modelli astrofisici ne risentono e qualsiasi misura è irrimediabilmente affetta da notevoli incertezze. Noi astrofisici abbiamo dunque messo a punto un metodo, o “una scala”, come si dice in gergo, per calibrare le misure nell’universo lontano e stabilire la corretta relazione di distanza tra gli oggetti del profondo cielo. Abbiamo fatto esattamente ciò che si fa nella musica, dove le scale rendono armoniosi suoni distinti, permettendoci di apprezzarne, innanzitutto, la collocazione e la reciproca distanza.
Stelle come note, leggi fisiche come armonie, sono queste le considerazioni che analizzeremo sia con le parole che con gli esempi suonati dal vivo, in una conferenza-concerto che supererà i limiti della sola comunicazione verbale. Ma non ci fermeremo qui. Queste “scale” vogliamo vederle. Così sfioreremo l’universo da fuori e scenderemo poi fino ai più stretti cunicoli: accompagnati dalla musica dal vivo percepiremo l’armonia degli oggetti celesti più diversi, sia vicini che distanti.


A CHE PUNTO È LA NOTTE

Fotografie tra la bellezza e la scienza

La fotografia notturna è una tecnica che produce immagini con una duplice valenza: se da un lato sono affascinanti ed emozionanti, dall’altro sono ricche di dettagli astronomici. L’associazione culturale PhysicalPub ha curato e realizzato una mostra intereamente dedicata all’astrofotografia, selezionando solamente gli scatti la cui bellezza cela interessanti spunti e concetti scientifici. Gli astrofisici Chiara Righi e Simone Iovenitti hanno lavorato a questo progetto e ci mostreranno alcune delle immagini più sensazionali, spiegandoci con parole semplici, ma accurate, le considerazioni scientifiche associate a ogni fotografia. Ci mostreranno il livello di conoscenza del cosmo a cui siamo giunti, illustrando gli strumenti e le tecniche utilizzate, per spiegare dove si attestano oggi le frontiere della ricerca astronomica, cioè fino a che punto abbiamo osservato la notte.


ASTRONOMIA ELLENICA

Il cielo di una cultura dimenticata

Senza inquinamento luminoso, il cielo dei greci era senza dubbio più emozionante del nostro, almeno ad una rapida occhiata. Ma quando si fermavano a riflettere sulla natura del firmamento, quali domande e quali nozioni si affollavano nelle menti di allora?
Ai tempi dei greci l’astronomia era molto più evoluta di quanto pensiamo. Alcune quantità difficili da misurare tutt’ora erano state stimate già prima di Cristo con accuratezza notevole. Inoltre, molti strumenti e concetti moderni vennero concepiti e sviluppati dalle menti di alcuni geniali filosofi ellenistici.


Le nostre collaborazioni

X